Matteo Calvigioni

Home  »  Matteo Calvigioni

Torna all’elenco degli artisti

Matteo Calvigioni

Biografia

Matteo Calvigioni

Mi chiamo Matteo Calvigioni, sono nato il 10 Settembre 2001 a San Severino Marche. Abito a San Ginesio, in Via Papa Giovanni XXIII N.10.Ho frequentato l’ ultimo anno della scuola primaria, e ora sono in trepidante attesa di salire il gradino che mi porterà alla media. Nel mio tempo libero amo dedicarmi alla lettura e alla scrittura di testi e poesie; trascorro, poi, altra parte del mio tempo libero, a giocare a tennis al Circolo FIT di Tolentino, e a praticare nuoto alla piscina comunale di Camerino.

 

 

 

Poesie

La danza dell’ acqua

Acqua
come una danzatrice scendi dal cielo
balli gioiosa fra le onde del mare
risali sulle tue nuvole,silenziosa, in punta di piedi.

Acqua
scorri impetuosa nel letto dei fiumi
cadi pesante da altezze inimmaginabili
giochi a nascondino fra le viscere della terra.

Acqua
tenera amica del Sole
disseti ,come una madre amorevole, le genti
ti sposti in un infinito tragitto
per regalarti
Acqua
purissima sovrana,
ricopri con estrema beltà il volto della Terra,
rappresenti ovunque la vita,
non ti fermare,
continua la tua danza …
per sempre…

 

Parole

O grande lago dalle dolci acque
amico amorevole e tenero,
da innumerevole tempo
come un gigante assonnato
riposi nel silenzio della vallata.

All’arrivo delle prime luci
il sole ti regala una parte di sé
specchiandosi fiero sulla tua limpida superficie.
Nulla intacca la calma che ti circonda
protetta da fedeli guardiani
che, maestosi, si ergono sulle tue sponde
protesi a toccare il cielo.

O grande lago dalle affascinanti acque
catturi il mio sguardo e la mia mente
mi sussurri dolci parole, parole mai dette
donandomi pace e tranquillità
Col tuo lieve canto
mi confidi i tuoi arcani segreti
la vita nascosta dei tuoi abitanti
che rare volte si mostrano.

O grande lago dalle tempestose acque
che scacci il sole all’arrivar della tempesta,
ti scuoti con immane potenza
pieghi i tuoi guardiani impauriti
rompi il silenzio nella valle.
Mi urli con forza
e mi ricordi a malincuore
le paure e le difficoltà della vita.

O grande lago dalle cristalline acque
al finir della burrasca ti addormenti
e torni amico, il mio amico di sempre
calmo e pieno di dolci parole
tutte per me.